prezzi delle abitazioni nuove ed esistenti
Studio Progetto - REPORT ISTAT SULL’ANDAMENTO DEI PREZZI DEGLI IMMOBILI Nel 2010 l’ISTAT ha istituito un indice denominato IPAB (Indice dei Prezzi delle Abitazioni). L’IPAB con cadenza trimestrale fa riferimento a tutte le transazioni avvenute siano esse da famiglia a famiglia o da altro settore a famiglia. Oggetto di rilevazione sono i prezzi effettivi di compravendita ed il prezzo delle abitazioni residenziali nuove (20% degli immobili presenti sul mercato) ed esistenti (appartamenti, case unifamiliari, case a schiera ecc..) acquistati dalle famiglie. Gli indici IPAB vengono costruiti utilizzando dati provenienti da fonti amministrative, in particolare sono utilizzati i dati degli atti notarili di compravendita immobiliare di cui è titolare l’Agenzia delle Entrate che ha incorporato l’Agenzia del Territorio a partire dal 1 dicembre 2012. Report marzo 2021 Nel quarto trimestre 2020 l’indice dei prezzi delle abitazioni (IPAB) acquistate dalle famiglie, per fini abitativi o per investimento, aumenta dello 0,3% rispetto al

I prezzi delle abitazioni 2020


Data: 22/06/2021

REPORT ISTAT SULL’ANDAMENTO DEI PREZZI DEGLI IMMOBILI

Nel 2010 l’ISTAT ha istituito un indice denominato IPAB (Indice dei Prezzi delle Abitazioni). L’IPAB con cadenza trimestrale fa riferimento a tutte le transazioni avvenute siano esse da famiglia a famiglia o da altro settore a famiglia. Oggetto di rilevazione sono i prezzi effettivi di compravendita ed il prezzo delle abitazioni residenziali nuove (20% degli immobili presenti sul mercato) ed esistenti (appartamenti, case unifamiliari, case a schiera ecc..) acquistati dalle famiglie. Gli indici IPAB vengono costruiti utilizzando dati provenienti da fonti amministrative, in particolare sono utilizzati i dati degli atti notarili di compravendita immobiliare di cui è titolare l’Agenzia delle Entrate che ha incorporato l’Agenzia del Territorio a partire dal 1 dicembre 2012.

Report marzo 2021

Nel quarto trimestre 2020 l’indice dei prezzi delle abitazioni (IPAB) acquistate dalle famiglie, per fini abitativi o per investimento, aumenta dello 0,3% rispetto al trimestre precedente e dell’1,6% nei confronti dello stesso periodo del 2019 (era +1,0% nel terzo trimestre 2020).

L’aumento dell’IPAB si deve sia ai prezzi delle abitazioni nuove che crescono dell’1,7%, in rallentamento rispetto al trimestre precedente (quando la variazione era del +3,0%) sia ai prezzi delle abitazioni esistenti che aumentano dell’1,4%, accelerando rispetto al terzo trimestre 2020 (era+0,7%)

Questi andamenti si manifestano in un contesto di crescita vivace dei volumi di compravendita (+8,8% l’incremento tendenziale registrato dall’Osservatorio del Mercato Immobiliare dell’Agenzia delle Entrate per il settore residenziale per il quarto trimestre 2020, dopo il +3,0% del trimestre precedente)

Su base congiunturale l’aumento dell’IPAB è dovuto esclusivamente ai prezzi delle abitazioni esistenti che registrano un incremento pari allo 0,3% mentre quelli delle abitazioni nuove diminuiscono dello 0,3%.

In media, nel 2020, i prezzi delle abitazioni aumentano dell’1,9% con i prezzi delle abitazioni nuove che fanno registrare un +2,1% e quelli delle abitazioni esistenti (che pesano per oltre l’80% sull’indice) che crescono dell’1,9%

Rispetto alla media del 2010, nel 2020 i prezzi delle abitazioni sono diminuiti del 15,0% vale a dire -21,6% per le abitazioni esistenti e + 3,6% per le abitazioni nuove.

Nel quarto trimestre 2020 la crescita è trainata dal Sud Italia e Isole (+3%) mentre i prezzi crescono in modo meno marcato al Nord-Ovest (1,7%) e nel Nord-Est (1,8%) e di poco nel Centro (+0,2%). Per quanto riguarda le singole città i prezzi si registrano in calo a Roma (-0,5%) e Torino (-2,0%).

In conclusione:
i dati sono positivi, seguono il miglioramento della situazione pandemica ed in particolare la voglia di molti italiani di migliorare la propria situazione abitativa, ricercando appartamenti di ampie metrature con spazi esterni, terrazzi o giardini. Il Nord Italia più colpito dalla pandemia è in maggiore difficoltà rispetto al Sud del Paese. I tassi dei mutui ai minimi storici, la scelta politica dell’attuale governo che fornisce la garanzia di Stato all’80% per un mutuo prima casa si spera che facciano da traino per una ripresa dell’intero comparto immobiliare. 

 

Fonte: istat.it

STUDIO PROGETTO SNC
Studio Progetto Agenzia immobiliare
viale Piave 11 Mariano Comense 22066 Italy +390313550000 info@studioprogetto.it
Studio Progetto
1-6000
!
Usando questo sito si accetta l'utilizzo dei cookie per analisi di terze parti. Ulteriori informazioni | Accetto