Quali imposte paga l'acquirente di un immobile?


Data: 04/03/2019

Le IMPOSTE che dovrà corrispondere l'Acquirente il giorno di stipula del rogito notarile di compravendita variano a seconda della tipologia del soggetto Venditore.

Dal 1 Gennaio 2014 sono entrate in vigore le nuove norme sulla tassazione dei trasferimenti immobiliari. Prevedono sempre una differenziazione a seconda della natura del soggetto venditore e del tipo di acquisto.

Quando il soggetto che vende è: PRIVATO o impresa costruttrice che ha ristrutturato l'immobile a condizione che avvenga "dopo 5 anni dall'ultimazione dei lavori le imposte sono le seguenti:

TIPO DI ACQUISTO IMPOSTA DI REGISTRO IMPOSTA IPOTECARIA IMPOSTA CATASTALE

1° casa

(escluse cat. A/1-A/8-A/9)

2% fissa di 50 euro fissa di 50 euro

1° casa

(da impresa esente IVA)

 

2% fissa di 50 euro fissa di 50 euro
altri casi 9% fissa di 50 euro fissa di 50 euro

La base imponibile è rappresentata dal Valore Catastale dell'immobile

IMPORTANTE: l'agevolazione spetta, però, a condizione che nell'atto sia indicato l'effettivo importo pattuito per la cessione. Infatti, l'occultamento del corrispettivo o la dichiarazione nell'atto di compravendita di una somma inferiore a quella concordata determina la perdita del beneficio con le seguenti conseguenze:

a) le imposte di registro, ipotecaria e catastale saranno calcolate sul corrispettivo effettivamente pattuito;

b) sarà dovuta una sanzione che va dal 50% al 100% delle minori imposte versate

Quando il soggetto che vende è un'IMPRESA COSTRUTTRICE o che ha ristrutturato l'immobile e la vendita avvenga "entro 5 anni" dall'ultimazione dei lavori le imposte sono le seguenti:

TIPO DI ACQUISTO IVA IMPOSTA DI REGISTRO IMPOSTA IPOTECARIA IMPOSTA CATASTALE

1° casa

(escluse A/1-A/8-A/9)

 4%  fissa di 200 euro fissa di 200 euro fissa di 200 euro
altri casi  10%  fissa di 200 euro fissa di 200 euro fissa di 200 euro
Abitazioni cat. A/1-A/8- A/9  22%  fissa di 200 euro fissa di 200 euro fissa di 200 euro

La base imponibile è rappresentata dal Corrispettivo pagato e dichiarato nell'atto.

IMPORTANTE: relativamente a queste cessioni, le disposizioni consentono all'ufficio di rettificare direttamente la dichiarazione annuale IVA del venditore se il corrispettivo dichiarato è inferiore al "valore normale" del bene. Definito come Prezzo o il corrispettivo mediamente praticato per i beni della stessa specie o similari in condizioni di libera concorrenza e al medesimo stadio di commercializzazione, nel tempo e nel luogo in cui è stata effettuata l'operazione o nel tempo e nel luogo più prossimi.

!
Usando questo sito si accetta l'utilizzo dei cookie per analisi di terze parti. Ulteriori informazioni | Accetto